Esplora contenuti correlati

TARI 2021

Tassa sui rifiuti

 

Dal 2014 è istituita l'imposta unica comunale (IUC). Essa si basa su due presupposti impositivi, uno costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e valore e l'altro collegato all'erogazione e alla fruizione di servizi comunali.

La IUC si compone dell'imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali, e di una componente riferita ai servizi, che si articola nel tributo per i servizi indivisibili (TASI), a carico sia del possessore che dell'utilizzatore dell'immobile, e nella tassa sui rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell'utilizzatore.

Ciascun Comune ha facoltà di deliberare differenti aliquote e riduzioni, per questo è importante leggere le Delibere di approvazione delle aliquote ed i Regolamenti di ciascun tributo (ogni tributo ha un suo regolamento dove vengono definite una serie di informazioni importanti per l'applicazione dell'imposta).

Su ogni immobile, in generale, si possono avere quindi contemporaneamente IMU, TASI e TARI.

 

TARI

LA TARI (TAssa RIfiuti) è una tassa che si paga per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti; è dovuta da chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte suscettibili di produrre rifiuti.

La TARI si compone di due quote, una fissa ed variabile. Le tariffe sono stabilite dal Comune e sia la quota fissa che la quota variabile si differenziano in base al numero di occupanti.

Per le utenze domestiche si calcola moltiplicando la quota fissa (QF) per il numero di metri quadrati della superficie, a cui si somma la quota variabile (QV) per il periodo di occupazione.

TARI= (QF x m² + QV) x giorni/365

A questo importo va poi aggiunto il Tributo provinciale per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione ed igiene ambientale (Art. 19, Decreto Legislativo 30/12/1992, n. 504) che in generale è pari al 5% della TARI ma può anche essere minore.

Nel caso delle pertinenze dell'abitazione, si versa solo la quota fissa per i metri quadri essendo la quota variabile già caricata sull'abitazione.

La TARI per le utenze NON domestiche invece si calcola moltiplicando sia la quota fissa (QF) sia la quota variabile (QV) per il numero di metri quadrati della superficie per il periodo di occupazione.

TARI= ((QF + QV) x m²) x giorni/365

Fino al 2020 la TARI e il contributo provinciale venivano versati in un unico importo con pagamento con Modello F24 e Codice Tributo 3944. Dal 2021 (Decreto riversamento TEFA - Art. 38 bis D.L. n. 124/2019) la quota di spettanza della Provincia o della Città metropolitana è stata separata e dovrà essere versata separatamente con specifico Codice Tributo.

IL MEF con la Risoluzione n. 5 del 18 gennaio 2021 ha istituito i seguenti codici tributo:
 

“TEFA” denominato “TEFA - tributo per l'esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell'ambiente”;

“TEFN” denominato “TEFA - tributo per l'esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell'ambiente - interessi”;

“TEFZ” denominato “TEFA - tributo per l'esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell'ambiente - sanzioni”.

Quindi la TARI 2021 pagata con Modello F24 prevede la presenza di due Codici Tributo "3944" e "TEFA" e 2 importi distinti uno per il Comune e uno per la Provincia/Città Metropolitana.

 

TARIFFE TARI

Con Deliberazione di Consiglio Comunale N.31 del 31-03-2021 il Comune di Mazara del Vallo ha approvato le tariffe TARI 2021 riportate nelle seguenti tabelle:

 

Tariffe domestiche parte fissa

 

Tariffe domestiche parte variabile

 

Tariffe domestiche parte fissa e variabile

 

Tariffe non domestiche parte fissa

 

Tariffe non domestiche parte variabile

 

Tariffe non domestiche parte fissa-variabile

 

Modalità di calcolo e bollettazione TARI

Con Deliberazione di Consiglio Comunale N.71 del 23-06-2021 il Consiglio Comunale approva la “Mozione modalità di calcolo e bollettazione TARI

 

Regolamento di riduzione TARI 2021 Operatori Economici

Con Deliberazione di Consiglio Comunale N.73 del 30-06-2021 il Consiglio Comunale ha approvato il Regolamento di riduzione della TARI 2021 per gli Operatori Economici

 

Regolamento di riduzione TARI 2021 Utenze domestiche

Con Deliberazione di Consiglio Comunale N.74 del 30-06-2021 il Consiglio Comunale ha approvato il Regolamento di riduzione TARI 2021 per le Utenze domestiche

 

Modifica al regolamento per la riduzione della Tari alle utenze domestiche - anno 2021

La Giunta Municipale, con deliberazione n. 168 del 2 novembre 2021 , ha approvato una proposta di modifica al regolamento per la riduzione della Tari (tassa rifiuti) alle utenze domestiche per l’anno 2021.

La modifica di riduzione della Tari, proposta dalla Giunta ed approvata all'unanimità dal Consiglio comunale, interviene sull’ultima fascia della Tari.

In particolare, con la modifica approvata con delibera di consiglio 109 del 12/11/2021: i nuclei familiari con indicatore Isee compreso tra 6mila e un euro e 18mila euro potranno usufruire a richiesta di una riduzione del 40% della parte variabile della Tari, mentre con il regolamento in vigore prima della modifica il limite Isee era di 12mila euro.

Rimangono invariate le altre fasce:

1) abitazioni occupate da nuclei familiari con indicatore ISEE non superiore a € 3.000,00, riduzione pari al 80% della parte variabile della tariffa;

2) abitazioni occupate da nuclei familiari con indicatore ISEE compreso tra € 3.000,01 e € 6.000,00, riduzione pari al 70% della parte variabile della tariffa.

In allegato il modello di domanda, in fase di pubblicazione nell'albo pretorio online unitamente al nuovo Avviso. Il 30 novembre è stato il termine ultimo per la presentazione delle istanze.

 

CALCOLOLARE LA TARI

Determinate le tariffe e le eventuali riduzioni si può fare il calcolo della Tari anche attraverso il sito amministrazionicomunali.it 

 

torna all'inizio del contenuto